Salve, sono Anna Lucia Calò, una studentessa fuori sede del secondo anno di Scienze dell’Educazione presso l’università di Reggio Emilia. Ero presente in aula magna durante la presentazione della vostra associazione e sono stata molto colpita dal vostro lavoro, dalla dedizione che riponete nei vostri progetti per cercare di sostenere i bambini ammalati e le loro famiglie. Come detto in precedenza, sono una studentessa fuori sede, sono Pugliese, della provincia di Taranto; purtroppo nella mia zona non esistono associazioni che intervengono ed offrono supporti costanti verso la malattia del bambino se non fosse per qualche sporadico volontario mosso dalla passione e dalla forza di aiutare e giocare con i bambini: penso che questa sia una grave mancanza e il vedere i vostri progetti mi ha fatto pensare molto. Le scrivo perchè vorrei dare una mano, nel mio piccolo, essere un volontario della vostra associazione. Sarei anche interessata ad un eventuale tirocinio presso la vostra associazione, ma per ora vorrei iniziare con il volontariato, in quanto le pratiche per il tirocinio inizierebbero da giugno ed io, a prescindere dall’università, vorrei dare il mio contributo.