E se il mare d’estate entrasse in ospedale? O un prato di notte? O un arcobaleno che abbraccia le montagne?

    È il sogno della Casina dei Bimbi che, grazie ai bambini e alle maestre della montagna reggiana, sta diventando realtà.

    Durante il percorso di collaborazione con la struttura ospedaliera di Castelnovo ne’Monti, è emersa l’esigenza di creare un arredamento più colorato e più vicino al vissuto del bambino, progetto che i bambini stessi hanno in seguito soprannominato “L’Ospedale che vorrei…”

    L’Associazione insieme al Primario della Pediatria ha colto l’importanza dell’ambiente come aiuto-terapeutico morale per il bambino ospedalizzato e la famiglia che lo assiste. Grazie alle generose offerte fino ad ora ricevute, Casina dei Bimbi ha potuto acquistare poltrone-letto per il riposo dei genitori, materiale ludico per la sala giochi e videoregistratori per le camere. Il nostro desiderio più grande è trasformare l’intero reparto in uno spazio “a misura di bambino”, dove possa trovare accoglienza e risposta non solo la parte malata dei piccoli pazienti ma anche quella sana, così da non interrompere le relazioni con il mondo esterno, con la vita di tutti i giorni.

    In collaborazione con le scuole della montagna, Casina dei Bimbi ha indetto un concorso di disegno ispirato alla natura e i disegni vincitori, premiati dalla nota illustratrice Nicoletta Costa, coloreranno ora non solo il reparto e gli arredi, ma i giochi, le tovagliette, le lenzuola che accoglieranno e allevieranno la degenza dei piccoli pazienti e saranno disponibili come regali solidali per sostenere l’associazione.

    I prati, le farfalle e i fiori nati dalle matite dei bambini trasformeranno le stanze, il cielo e le nuvole diventeranno i soffitti, non sarà più uno sterile numero a identificare una camera ma il titolo di un disegno, come “Le margherite” o “Il sottomarino”.